Perchè dovresti lasciare il tuo lavoro senza averne un altro già in programma

Le persone detestano dimettersi senza un altro lavoro già in programma.


Non solo perché i datori di lavoro preferiscono assumere persone che già sono attive, ma anche perché può apparire come un fallimento, come se abbandonare un lavoro equivalesse a "non riesco più a farcela".

Ma ci sono momenti in cui è necessario lasciarsi andare.

Vi racconto un esempio personale: il mio ragazzo non ha mai fatto sci d'acqua in vita sua. Tempo fa mio padre lo sfidò a provare in mare. Il mio ragazzo era seduto in acqua, pronto, con gli sci davanti a sé mentre mio padre accendeva il motore del suo motoscafo ridicolmente piccolo.

Alla partenza i piedi del mio ragazzo sono sfuggiti dallo sci. Stava sorridendo e si teneva alla maniglia, ma i suoi piedi erano dietro di lui e la sua testa era sott'acqua. Ricordo di avere iniziato a urlare: “Lasciati andare! Lasciati andare!" Se non si fosse lasciato andare, il mio ragazzo sarebbe potuto annegare e non avremmo avuto una vita da vivere insieme.


Questo può essere vero anche per la propria carriera. Se non lasci andare, puoi facilmente distruggerla. Ci sono alcune situazioni in cui dovresti considerare di dimetterti anche se non hai già un’altra offerta di lavoro ad attenderti:


· Quando credi che stia succedendo qualcosa di illegale o non etico e sei preoccupato che possa avere delle conseguenze negative su di te;

· Quando il tuo lavoro attuale sta influenzando negativamente la tua salute e la tua vita al di fuori;

· Prima di dimetterti, tuttavia, pensa a quando e come ti dimetterai, quali saranno i tuoi riferimenti e, soprattutto, quale sarà la motivazione che fornirai.


Ecco alcuni esempi:


Beth (nome di fantasia) ha fondato una startup con due amiche dell’università. Quando ha saputo, qualche anno dopo, che le amiche stavano mettendo in atto comportamenti volti ad imbrogliare i clienti, si è resa conto che era ora di abbandonare l'azienda, conscia che questo avrebbe significato perdere non solo il lavoro ma anche il suo investimento nella stessa. Restare non era un'opzione in quanto ero in gioco qualcosa di ancora più prezioso: la sua reputazione.


Ha messo in atto un buon piano. Ha assunto un avvocato per aiutarla a capire i suoi obblighi, ha fissato una data per dimettersi e ha scritto una lettera di dimissioni che includeva un buon motivo: "È stato molto eccitante lavorare con entrambe in questa startup. Non avrei fatto cambio per niente al mondo. Ma mi sono resa conto di quello che voglio. Non riesco proprio a sentirmi a mio agio con la mancanza di struttura e organizzazione…”


Beth si è quindi assicurata le sue referenze: il suo ex datore di lavoro, un attuale cliente e un collega, tutte persone che sosterrebbero il motivo della sua partenza. Non ha condiviso i suoi sospetti sulle sue socie con nessuno in quanto non dimostrati. È uscita con la sua reputazione intatta e ha trovato un altro lavoro in quattro mesi.


Paul (nome inventato) era un Project Manager molto capace in un'azienda che ha subito una difficile fusione. Ha tre figli, uno dei quali è un bambino con esigenze particolari. Prima della fusione era considerato una star, ma dopo la fusione sembrava non incontrare lo stesso gradimento presso la nuova gestione. Si è reso conto che uno dopo l'altro i suoi colleghi erano stati licenziati o avevano deciso di andarsene. Paul era determinato a restare, per il bene della sua famiglia.


Ma il lavoro lo aveva messo a dura prova. Aveva anche ottenuto un aumento, ma a quale prezzo?

Si sentiva male ogni mattina, era così ansioso che la sua famiglia e i suoi amici erano preoccupati. Quando anche il suo dottore lo aveva avvisato riguardo la sua salute, a Paul è sembrato evidente avrebbe dovuto abbandonare quell’ambiente, sia che avesse un nuovo lavoro ad attenderlo o meno.

Era continuamente osservato e lavorava troppe ore per trovare un nuovo impiego. Era così stressato, che non sarebbe riuscito ad affrontare egregiamente dei colloqui.


Paul ha deciso di agire. Ha raccolto le sue referenze, principalmente dal management precedente alla fusione. Ha fissato una data per dimettersi e ha preparato una lettera di dimissioni che non diceva nulla sulla sua salute, ma ringraziava i suoi capi per averlo mantenuto durante la fusione, si complimentava con loro per tutto ciò che gli avevano permesso di imparare, dicendo di desiderare una carriera più orientata alle vendite e al marketing.


Paul non ha mai scritto esplicitamente: "Avete distrutto la mia salute!"

Qualcuno avrebbe potuto chiedere referenze ai suoi nuovi capi e in questo modo avrebbe mantenuto dei rapporti neutrali. Il suo piano ha funzionato. Le sue referenze prima della fusione lo hanno aiutato a trovare un nuovo lavoro.

Che cosa hanno in comune le storie di Beth e Paul? Se scegli di lasciare il tuo attuale impiego senza averne già un altro, segui questi passaggi:


· Pensa a come rassegnare le tue dimissioni, a chi e quando esattamente. Segnalo proprio sul calendario. Chi altro deve essere informato non appena ti sei dimesso? Definisci anche questo.

· Trova tre buone referenze. Almeno un riferimento dovrebbe provenire dal tuo attuale datore di lavoro. Se preferisci non chiedere al tuo capo, prova con un collega, un subalterno o un cliente.

· Scrivi una breve lettera di dimissioni. Dovrebbe includere un complimento per il tuo attuale datore di lavoro che sia credibile. Anche se hai intenzione di dimetterti di persona, porta la lettera alla riunione e consegnala alla persona a cui stai dando le dimissioni. Assicurati di non incolpare nessuno, nemmeno te stesso. Potrebbe tornare a perseguitarti.

· Vai fino in fondo. Non avere paura o ripensamenti, il giorno dopo le tue dimissioni è il primo giorno del resto della tua carriera!


FONTE: https://hbr-org.cdn.ampproject.org/c/s/hbr.org/amp/2017/06/when-you-should-quit-your-job-without-having-another-one-lined-up




98 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti